Share |

Margherita Lazzati

Notizie

 

 concorso lo sguardo di giulia

     "Chiamala violenza, non amore"

 

 foto margherita lazzati

Autoritratto in solitudine (iphone photo) di Margherita Lazzati

 

concorso lo sguardo di giulia opera selezionata

 

 

 

Calendario 2014 - Poesie e Fotografie

 

Leggere Libera-mente

Laboratorio di scrittura creativa

a cura di Silvana Ceruti - Casa di Reclusione di Milano-Opera

––––––––––––––
16 fotografie di Margherita Lazzati - cacciatrice di sogni e messaggi

 

Introduzione di Giuseppe Carnovale - Laboratorio di Scrittura Creativa Casa di Reclusione di Milano Opera

La parola e l'immagine insieme svelano un percorso di conoscenza e trasformazione del tempo, la lieve traccia dell'esistenza umana. Rappresentano il desiderio di Margherita Lazzati e dei corsisti di interpretare per conoscere meglio, anche se stessi.

La ricerca dell'essenzialità estrema rientra in questa volontà di non dispersione, per cogliere i significati fondamentali con la maggiore intensità possibile tra parola e immagine. Lo sguardo è rivelatore di stati d'animo profondi, così come i modi espressivi permettono una fotografia nel segno della poesia.  

 

Copertina Calendario Poesie e fotografie di Margherita LazzatiPresentazione di Silvana Ceruti

Da vent'anni nel Laboratorio di scrittura creativa che vive nel carcere di Opera si scommette sulla capacità della poesia di disvelare l'anima. A questa verità profonda a cui ci chiama la poesia si unisce, in Laboratorio, il richiamo a uno sguardo poetico verso la realtà, uno sguardo che dà valore a tutto poiché, come diciamo, la poesia non sta nella bellezza dell'oggetto ma negli occhi di chi lo guarda. A questa capacità interiore, si accompagna una attività di apprendimento del linguaggio poetico in cui ci è maestro Alberto Figliolia, poeta e amico, da molti anni sempre presente in Laboratorio.

Il calendario 2014 è un rincorrersi di sguardi e di linguaggi: c'è lo sguardo delle persone detenute che si esprime con le parole di una poesia e c'è lo sguardo di Margherita Lazzati che si esprime con le immagini delle sue fotografie. La stessa realtà di cui parla una poesia è abbinata a una immagine che a volte ha colto la stessa realtà, a volte ha colto invece, in una realtà differente, lo stesso profondo messaggio che viene ridetto secondo la specificità dei due linguaggi.

A tutti voi che sfoglierete questo calendario, l'augurio di giorni scanditi dalla bellezza, che sempre si accompagna a un sentire umano, capace di ascolto e di fratellanza.
Il nostro amico editore, Gerardo Mastrullo, riceverà volentieri vostri commenti e quanto credete sia in comunione di animo con il nostro calendario.


Prefazione di Alberto Figliolia

Cieli al tramonto. Turbini e fughe di luce. Vertigini di ghiaccio, la struggente purezza della neve. L'enigmatica figura di Samuel Beckett in un murale che scolorisce, si screpola, si sfa…
Oltremodo evocative sono le fotografie di Margherita Lazzati che corredano il Calendario poetico 2014 del Laboratorio di  scrittura creativa della Casa di reclusione di Milano-Opera, perfetto pendant agli scritti che lo popolano di sentimenti, suggestioni, speranze (talora disperanze).
“Cerco ancora di fare musica/ con la mia chitarra/ di nervi d'uomo/ che la vita ha accordato/ e scordato in tanti modi:/ eppure un'armonica tempesta/ creò nello strumento che io sono/ le vibrazioni del cuore”, scrive Giuseppe Carnovale, una sintesi magistrale di ciò che siamo e di ciò che non siamo, nell'eterno gioco del mutamento.
Una comunità di membri, quella del Laboratorio creato ormai quattro lustri or sono da Silvana Ceruti (Ambrogino d'oro 2012 per gli alti meriti civici), in grado di produrre scritti di elevato valore formale e, soprattutto, la prova vivente che un'altra via è possibile allorché siano il rispetto e la fiducia a regnare.
Giunto sarebbe il momento che si aprisse un capitolo diverso per quel che concerne la considerazione dell'universo carcerario.
Le poesie contenute in quest'edizione – così come tutte le precedenti altre e quelle a venire – sono agape, amore fraterno, pietas, domanda. Rimorsi, sì. Rimpianti, tanti. Ma, soprattutto, coscienza, desiderio di essere, oltre ogni separazione, con gli altri.


Calendario Poesie e fotografie Poesia di Gaetano Conte

Nel torto che m’opprime
nell’ansia delle mie ragioni
di ora in ora…
A sera,
nella mia stanza
di neve
le ombre calano
si poggiano sui
piedi
restano in ogni passo
che si ferma,
vicine…
e s’allontanano
salendo sopra
i miei pensieri
a illuminarmi ed
annerirci insieme
Ecco! Vanno sparendo
i miei occhi si lasciano
partire
soli, nel buio,
come un orlo di luce,
soli, come la notte


  

con il silenzio fermo
sulle labbra
nello stupore che
perde tutti i segni
del cammino
e che nel nulla
si ritrova al primo
passo.
Soli, eppure uniti
dal ricordo che nulla
ci divise...
È sogno, come vivere
d’amore…
Mi resta solo lo sguardo
triste aperto nel futuro
e l’ansia di proteggerle
dal sole
o di perderle dentro
il proprio
cuore.


Gaetano Conte


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 
 

Calendario 2014

 

Calendario 2014

16 fotografie di Margherita Lazzati

autore Margherita Lazzati
Laboratorio di lettura e scrittura creativa
editore La Vita Felice
categoria Libri
genere Poesia, Varia LVF
collana Varia LVF
pagine 14
pubblicazione 2013
ISBN/EAN 9788877991089
 

€ 10,00

 

 

 

 

 

 

 

Margherita Lazzati al carcere di Opera

 

Margherita Lazzati ospite del Laboratorio di Lettura e Scrittura Creativa diretto da Silvana Ceruti, Ambrogino d'Oro 2012, con la quale collabora all'interno della struttura penitenziaria di Milano-Opera.

Guarda i 3' di video tratto dal documentario "Levarsi la cispa dagli occhi".

 


 

 

Il Nuovo Berlinese intervista Margherita Lazzati

clicca qui per continuare a leggere 

 

 

 

 


 

 
Pagina 1 di 6
Margherita Lazzati Template by Ahadesign Powered by Joomla!